Seleziona una pagina

Servizi

Cosa facciamo

La nostra struttura si dedica agli animali domestici afflitti da patologie dolorose croniche allo scopo di migliorarne la qualità della vita. L’Ambulatorio è disponibile per tutti i pazienti riferiti dalla prima visita del loro veterinario curante. Una volta che sia richiesto un consulto, su appuntamento verrà fatta la visita e una valutazione del problema per stabilire una terapia personalizzata per il trattamento del dolore.

Contattaci

Terapia del dolore

Ogni malattia cronica è per definizione non curabile per questo occorre gestirla al meglio con l’obiettivo di assicurare il minor disagio possibile al paziente animale e una buona qualità di vita. È chiaro ormai da anni che la percezione del dolore implica molecole, circuiti neuronali, recettori e trasmettitori con differenti meccanismi d’azione. È irrealistico pensare che esista un unico farmaco capace di eliminare o ridurre il dolore cronico o che le sole molecole farmacologiche possano migliorare la qualità di vita. Da qui nasce l’esigenza di un approccio multimodale e personalizzato che si avvalga non solo di farmaci ma anche di alimentazione, terapie fisiche e aiuto psicologico non solo per l’animale ma anche il suo compagno umano.

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL DOLORE

La visita di un paziente che soffre di dolore cronico si basa ,oltre che sui dati clinici oggettivi, sulla percezione che ha il proprietario riguardo alla qualità di vita del suo animale,  Abbiamo a disposizione diversi questionari, scale del dolore che ci consentono di valutare il grado di sofferenza dell’animale, ma è il proprietario che ci da le informazioni più importanti sulla interazione  col mondo esterno e la gestione della quotidianità . Il trattamento del dolore diventa quindi una miscela di attenzioni, fisiche ed emozionali, e i farmaci sono solo una piccola parte di tutto quello che si può fare per migliorare la qualità di vita di un animale sofferente. Non sempre basta un farmaco solo, anzi le terapie più efficaci sono quelle che cercano una interazione tra diverse molecole, e non tutti i soggetti reagiscono ad un farmaco allo stesso modo. Per questo parliamo di una terapia multimodale , con diversi approcci, e dinamica , perché i farmaci e i loro dosaggi vanno adeguati alle diverse risposte. L’aiuto di integratori e terapie non convenzionali modula e  potenzia l’azione di molte sostanze utilizzate, e anche la fitoterapia viene utilizzata in sinergia con gli altri medicamenti.

AGOPUNTURA ED ELETTROAGOPUNTURA

L’agopuntura consiste nella infissione di un ago solido nel corpo allo scopo di effettuare una terapia,prevenire una malattia o mantenere lo stato di salute. L’agopuntura  moderna occidentale si basa sulla medicina tradizionale cinese ma anche sulla scienza moderna,che ci da  la possibilità di comprendere meglio i processi che accadono nel nostro corpo durante il trattamento. L’effetto  specifico dell’agopuntura è mediato attraverso una stimolazione del sistema nervoso periferico e una neuromodulazione del sistema nervoso centrale.  Va sottolineato che l’agopuntura non è una monoterapia e l’effetto maggiore si ottiene quando  viene usata a fianco di altre terapie, farmacologiche o di riabilitazione.

L’utilizzo di un apparecchio per far passare una corrente di bassa intensità attraverso gli aghi (elettroagopuntura) è una pratica relativamente recente nata come ausilio durante le anestesie in corso di intervento chirurgico,  La corrente ha una intensità controllata che mima l’azione manuale dell’agopuntore , ma con maggiore efficacia,e può essere modulata a seconda delle necessità e delle situazioni patologiche.

RIABILITAZIONE

La visita fisiatrica consente di individuare problemi di carattere ortopedico e neurologico e formulare un
piano di riabilitazione che includa trattamenti manuali e strumentali per migliorare e velocizzare il
recupero sia dopo un trauma o un intervento chirurgico o in corso di patologia cronica invalidante.
Tra i trattamenti manuali troviamo il trattamento chiropratico, la mobilizzazione passiva, il massaggio, il
trattamento miofasciale. Per quanto riguarda le tecniche strumentali offriamo il trattamento OPAF (onde
pressorie ad alta frequenza) e gli ultrasuoni. Ambo due le metodiche sono utilissime nella gestione dei
processi infiammatori e degenerativi sia a carico delle strutture tendineolegamentose promuovendone la
riparazione, sia a livello delle strutture osteoarticolari rallentando la progressione della patologia e
contrastando il rimaneggiamento osseo. Il laser terapeutico utilizza l’emissione di energia luminosa
sottoforma di fotoni per modificare il metabolismo dei tessuti su cui viene applicato. La laserterapia è infatti
conosciuta anche come terapia della “fotobiomodulazione” e da oltre una decina di anni viene utilizzata in
medicina veterinaria non solo per alleviare il dolore e diminuire l’infiammazione ma che per promuovere la
cicatrizzazione e la riparazione dei tessuti lesi.

CHIROPRATICA

Durante la visita chiropratica possono essere evidenziate alterazioni posturali e di andatura che possono
essere gestite con il recupero di una fisiologica mobilità articolare attraverso il trattamento chiropratico ed
esercizi terapeutici personalizzati; in questo modo si possono rimuovere eventuali compensazioni per
un’alterata distribuzione del carico che aumentano il dolore e il disagio del paziente affetto da zoppia o
anomalie posturali. Con il ripristino della mobilità di un’articolazione i recettori deputati al controllo del
movimento vengono stimolati e riprendono a interagire con sistema nervoso centrale con il conseguente
recupero di equilibrio e propriocezione; di conseguenza gli impulsi meccanici fisiologici andranno a
controbilanciare quelli algici- del dolore- diminuendo la sensibilità al dolore (secondo la teoria del cancello
“gate control therory”). Un animale che si muove meglio starà meglio.

IDROTERAPIA

Il nostro ambulatorio è attualmente in grado di fornire il servizio di idroterapia mediante piscina riscaldata
presso una struttura convenzionata e a breve mediante tapis roulant in acqua (underwater treadmill)
direttamente all’interno di Oltre il dolore. Vediamo insieme quali sono i benefici dell’idroterapia!
L’obiettivo dell’idroterapia è quello di migliorare la funzione motoria in modo più efficiente e rapido del
paziente fuori dall’acqua. Le modalità utilizzate sono il nuoto e il camminare in acqua; tale obiettivo può
essere raggiunto sfruttando le caratteristiche fisiche dell’acqua. Grazie al galleggiamento il paziente e le sue
articolazioni sono sgravati di una buona percentuale del suo peso (dipende ovviamente dal livello
dell’acqua) e questo agevolerà il movimento. La pressione idrostatica (ovvero la somma delle pressioni
esercitate sulla superficie corporea dal fluido in cui il corpo è immerso) migliora il ritorno venoso con
conseguente abbassamento della frequenza cardiaca e riduce la percezione del dolore grazie alla
stimolazione delle terminazioni nervose (meccanocettori) della cute che inviano segnali inibenti al sistema
nocicettivo attivando il sistema propriocettivo. L’acqua attraverso la sua viscosità fornisce una resistenza al
movimento (in base al volume e alla temperatura) che aiuta lo sviluppo muscolare e il potenziamento
cardiocircolatorio.
Ecco uno schema riassuntivo dei benefici del nuoto e del tapis roulant in acqua:

NUOTO

TAPIS ROULANT IN ACQUA 

(UNDERWATER TREADMILL)

Sfruttare al massimo il galleggiamento togliendo peso alle articolazioni (utile soprattutto dopo interventi o infortuni a carico degli arti) Permettere uno scarico parziale degli arti (proporzionale al livello dell’acqua) e quindi modificabile dall’operatore in base alle necessità
Migliorare il range di movimento delle articolazioni Migliorare il range di movimento delle articolazioni
Incoraggiare il movimento in pazienti neurologici grazie alla stimolazione propriocettiva offerta dall’acqua  Riprogrammare i pattern di movimento grazie alla manipolazione degli arti da parte dell’operatore sfruttando la stimolazione propriocettiva dell’acqua e del nastro che scorre sotto ai piedi del paziente
Allenare il sistema cardiopolmonare Aiutare lo sviluppo delle masse muscolare permettendo un più precoce utilizzo dell’arto dopo infortunio o chirurgia o contrastando l’atrofia muscolare in caso di artrosi
Aumentare la resistenza muscolare Migliorare l’equilibrio e la coordinazione
Facilitare la mobilizzazione passiva degli arti (la temperatura dell’acqua aiuta la gestione delle contratture e degli spasmi muscolari) Avvicinamento all’acqua anche di pazienti non amanti di essa grazie al controllo del livello dell’acqua stessa
Eseguire attività ludica stimolante per il paziente Variare la velocità del movimento agendo sulla velocità del nastro e controllo dell’andatura

Il nuoto e il tapis roulant in acqua vengono utilizzati secondo precisi protocolli creati in base al tipo di
paziente, la sua patologia e gli obiettivi da raggiungere in quanto i tempi e le modalità sono paziente
specifici.
Esistono delle controindicazioni generiche all’utilizzo dell’idroterapia ad es in caso di ferite aperte, infezioni
cutanee o dermatiti in generale, vomito, diarrea, epilessia non controllata, nonché condizioni patologiche in
cui preferire il tapis roulant in acqua alla piscina (ad esempio instabilità cervicale per ernie, fratture o
malformazioni). Per tale motivo è sempre il veterinario a scegliere il tipo di idroterapia più idoneo al
paziente.
Un aspetto fondamentale per l’operatore da monitorare durante il nuoto è lo stato di ansia e di
affaticamento del paziente in acqua. Il primo si può osservare nelle espressioni facciali del cane (ad
esempio labbra ritirate, sbadigli), in caso di respiro accelerato, se sbatte gli anteriori, è irrequieto e vuole
uscire dalla piscina; il secondo lo si può individuare analizzando la postura del corpo, la frequenza
respiratoria, il rallentamento della nuotata o il bloccarsi del paziente fino a congestione delle mucose e
tremori muscolari.
L’idroterapia è uno dei tanti strumenti terapeutici che aiutano il recupero funzionale e la gestione del
dolore combattendo l’immobilità e l’atrofia muscolare che spesso sono presenti nel paziente affetto da
dolore cronico, e infine aiutano il suo stato mentale mediante un’attività stimolante!

FITOTERAPIA

La fitoterapia rappresenta la sintesi tra botanica, storia, etnomedicina e farmacologia. Spesso accade che la medicina tradizionale da sola non basti ad esempio nelle malattie croniche oppure i suoi effetti collaterali ne limitino l’impiego. Le piante medicinali forniscono dei fitocomplessi dove diversi principi attivi agiscono in sinergia tra loro potenziandone a vicenda l’effetto terapeutico.
La fitoterapia non riguarda solo le piante ma anche funghi (micoterapia) e oli essenziali. I funghi sono considerati dei veri e propri elisir di lunga vita impiegati dalla notte dei tempi da antichissime popolazioni asiatiche. Molti di questi sono in grado di modulare il sistema immunitario potenziando la sua capacità di
combattere le infezioni ed eliminare le cellule danneggiate o tumorali, fornire macro e microelementi e vitamine più biodisponibili di quelli inorganici, apportare prebiotici. Gli oli essenziali infine hanno una particolare influenza sul sistema nervoso e una molteplicità di impieghi, dal rilassamento nervoso e
muscolare, la cicatrizzazione delle ferite e il controllo dei parassiti.

La natura ci ha fatto tantissimi doni, sarebbe un peccato non utilizzarli!

NUTRIZIONE

La visita nutrizionale consiste nella valutazione delle condizioni dell’animale e il suo stato nutrizionale. Vanno anche studiati e analizzati tutti i referti e approfondimenti già fatti. L’obbiettivo è di studiare un piano nutrizionale personalizzato per il singolo animale in mondo da sodisfare tutti i suoi fabbisogni in relazione alle sue condizioni attuali e le sue caratteristiche specifiche. Nello specifico per gli animali con dolore o patologie croniche come le neoplasie l’alimentazione personalizzata ha come obbiettivo di fornire tutti i nutrienti che servono all’animale nella maniera più congrua alle sue condizioni e contemporaneamente riduce le sostanze che possono funzionare come supporto alla patologia stessa e alle sue conseguenze tutte le volte che questo è possibile. Con l’alimentazione si cerca anche di migliorare le tutti gli organi e apparati che possono rissentire indirettamente a causa della patologia come per esempio l’apparato muscolare per il ridotto movimento a causa di un dolore cronico          

VISITA COMPORTAMENTALE CANE E GATTO

la visita comportamentale dura circa un'ora e mezza. Durante il colloquio con i familiari chiedo infromazioni sulla vita dell'animale dal momento dell'adozione, le regole, le abitudini e i diversi comportamenti. I familiari descrivono il 'comportamento indesiderato' motivo della visita. Al termine del colloquio fornisco le prime indicazioni gestionali e comportamentali e le prescrizioni per eventuale supporto floriterapico, fitoterapico o farmacologico. Il percorso educativo/rieducativo viene proposto in funzione delle necessità della famiglia. 

CONSULENZA CANE E GATTO PREADOZIONE
La scelta di adottare un cane è un momento importante. La nostra vita cambierà. La sua vita cambierà. Il cane ha una capacità di adattamento molto buona, ma ciò non significa che riesca ad adattarsi a tutto. È importante conoscere il nostro stile di vita, il motivo che ci spinge a prenderci la responsabilità di prenderci cura di un essere vivente. La consulenza preadozione si propone di accompagnare lafamiglia in questo percorso importante. 
VALUTAZIONE CANI AGGRESSIVI SECONDO O.M.

quando un cane aggredisce un altro cane, altri animali o persone, la legge prevede una prima valutazione del Medico Veterinario Ufficiale Asl che stabilisce il grado di pericolosità da 0 (nullo) a 3 (massimo). I cani classificati grado 2 e 3, secondo legge, devono essere sottoposti alla valutazione comportamentale ufficiale da parte di un Medico Veterinario Comportamentalista riconosciuto dalla FNOVI.

PERCORSI EDUCATIVI E RIEDUCATIVI CANE E GATTO
Per migliorare il benessere del cane, le dinamiche comunicative, i rapporti familiari, ampliare le sue competenze sociali e cognitive e arricchire il bagaglio esperienziale del cane, 
GESTIONE CANI DIVERSAMENTE ABILI
Fornisco ai familiari di cani con disabilità fisiche (cecità, sordità, etc) indicazioni per garantire uno sviluppo comportamentale adeguate ed una serena e corretta gestione della vita in comune.
PSICOLOGIA DELLO SPORT

È importante sapere quanto l’impegno mentale e fisico possono condizionare il benessere del nostro cane; fisico e psicologico. Unendo gli studi di medicina comportamentale e fisiatria fornisco gli elementi per mantenere il cane in equilibrio, favorire la prestazione fisica e mentale, mantenere costante la performatività ed evitare stress.

Send us a Message

VIA PONTEVECCHIO 68, BOLOGNA

Call Us Today

Tel. +39 389/9407034

Follow Us